L’occhio del padrone è il miglior fertilizzante.

Gaio Plinio Secondo

< Barraco

Zibibbo

Lo zibibbo (moscato d’Alessandria) è noto come grande vitigno aromatico molto utilizzato in Sicilia per vini dolci. La scommessa di Nino Barraco è di renderlo il grande vitigno aromatico per vini secchi, il Gewürztraminer del sud. Rispetto allo zibibbo secco prodotto a Pantelleria rivela una minore intensità aromatica, ma una maggiore complessità nei sentori secondari dovuto alla maggiore fertilità dei suoli marsalesi.

La vigna di derivazione ha 15 anni, è posizionata a un chilometro dal mare. La vendemmia effettuata nei primi giorni di settembre dà un uva abbastanza acida con una buona quantità di zuccheri. La fermentazione alcolica avviene in piccoli silos di acciaio con lieviti indigeni presenti sulle bucce. Effettuata la fermentazione lattica si fa maturare fino a maggio in acciaio. Il vino viene imbottigliato senza subire chiarifichi, né microfiltrazioni.

Il risultato è un vino in cui sono presenti gli odori primari del vitigno, i secondari ricordano menta e limone, ma si rivelano anche i terziari con l’arancia surmatura e l’albicocca disidratata. L’aspetto varietale rivela un retrogusto amarognolo-erbaceo-secco.


Risorse

Scheda tecnica

Etichetta

www.vinibarraco.it


Dallo stesso produttore

> Catarratto

> Grillo

> Nero d’Avola

> Pignatello

> Milocca

Denominazione

Bianco IGT Sicilia

Area di produzione

Marsala

Vitigni

Zibibbo (Moscato d’Alessandria) 100%

Tipo di coltivazione

Spalliera, 2.800 viti per ettaro

Età dei vigneti

15 anni

Altitudine

6-7 m slm

Tipo di terreno

Calcareo, ricco di scheletro.

Vinificazione

Uve raccolte a mano, diraspate, fermentazione per 4 giorni sulle bucce, pressate con un torchio manuale e fatte fermentare con lieviti indigeni non selezionati con temperature tra i 25 °C e i 32°. Malolattica svolta spontaneamente fra ottobre e dicembre. Non subisce microfiltrazioni

Invecchiamento

8 mesi in acciaio

Affinamento

5 mesi in bottiglia

Bottiglie prodotte

3.500 da 0,75 l (annata 2008)

Caratteristiche organolettiche

Colore: giallo intenso tendente al dorato.
Odore: aromatico intenso e persistente con tutti i sentori del varietale. Fiori gialli (ginestra) e frutta albicocca disidratate, note agrumate (bergamotto), una lieve mineralità e sapidità.
Sapore: morbido con note di sapidità.

Grado alcolico

13,5%